Acquari per tartarughe.


Acquari per tartarughe

Segue una guida informativa sugli acquari per tartarughe, dalle dimensioni ai materiali, dall’allestimento alle caratteristiche dell’acqua, per altezza e temperatura, dalla funzione dei filtri al prezzo indicativo degli acquari e dei relativi accessori.

Premessa

Le tartarughe si distinguono in tartarughe d’acqua e tartarughe di terra o terrestri, dette anche testuggini. Sebbene si possono allevare anche in casa, per entrambe il giardino rappresenta il luogo ideale. Le testuggini si allevano in casa nei terrari o libere nel giardino, mentre le tartarughe acquatiche in casa vengono ospitate negli acquari per tartarughe detti acquaterrari o terracquari a secondo che la specie predilige vivere maggiormente in acqua o fuori dall’acqua. In giardino vengono ospitate in laghetti artificiali, realizzati ad hoc, interrando vasche di plastica, commercializzate in svariate misure, oppure adagiando in una buca appositamente scavata un telo in PVC, da fissare lungo i bordi con grosse pietre accostate con cura tra loro.

Caratteristiche acquari per tartarughe.

Gli acquari per tartarughe strutturalmente non differiscono da un comune acquario marino o acquario d’acqua dolce, mentre dal punto di vista dell’allestimento il livello dell’acqua è molto basso, in funzione delle caratteristiche degli ospiti, e deve prevedere aree emerse (che sovrastano il livello dell’acqua), per consentire alle tartarughe di risalire per prendere il sole e respirare. Le tartarughe, infatti, sono dotate di polmoni per cui periodicamente hanno bisogno di respirare, non resistono a lungo sott’acqua e non sono ottime nuotatrici. Sono rettili, cioè animali a sangue freddo, per cui hanno bisogno di esporsi al sole o rinfrescarsi in acqua, per adeguare la temperatura corporea alle esigenze del momento. Gli acquaterrari, di una grandezza compatibile con la grandezza degli ospiti e col numero degli stessi, vengono realizzati in vetro o plexiglass. In particolare:

  • L’acqua dell’acquario per tartarughe deve essere mantenuta particolarmente pulita, più di quella degli acquari che ospitano pesci. Oltre alla incompatibilità e all’aggressività delle tartarughe rispetto ai pesci, è questo uno dei motivi per i quali bisogna evitare di ospitare pesci e tartarughe nello stesso acquario. A tal fine, l’acquario deve essere corredato di filtri, in genere sistemati uno all’interno e l’altro all’esterno della struttura.
  • Per ospitare 2 tartarughe, lunghezza 20cm circa, mediamente è necessario un acquario di 1 ½ mq.
  • L’acquario deve prevedere aree sommerse, da realizzare con pezzi di sughero, di legno, o altro materiale equivalente, dove le tartarughe possono sostare fuori dell’acqua, per respirare, riposarsi e riscaldarsi. Queste aree devono essere servite possibilmente dal sole. Per lo scopo, bisogna posizionare l’acquaterrario in prossimità di un finestra o balcone. In mancanza, a tanto bisogna provvedere con un sistema di lampade, sistemate di fronte all’area sommersa, una delle quali deve sostituire il sole ed emettere raggi ultravioletti, indispensabili alla salute del carapace (guscio) delle tartarughe. A parte i raggi UV, la temperatura attorno all’area sommersa deve essere prossima ai 28-30°C.
  • La profondità dell’acqua deve essere appena sufficiente a consentire alle tartarughe di nuotare, prossima alla lunghezza del carapace.
  • L’acqua deve essere mantenuta ad una temperatura prossima ai 25°C, grado in più grado in meno, per cui diventa necessario dotare l’acquario di un riscaldatore, di una potenza proporzionale alla quantità d’acqua, da fissare al fondo dell’acquario a mezzo di ventose. La temperatura dell’acqua, da tenere sotto controllo, diventa fatale se tende allo zero o supera i 38-40°C.

Quanto costa un acquario per tartarughe?

A scopo indicativo: una tartarughiera in vetro 60x45cm, altezza 35cm, viene offerta al prezzo 75 euro circa IVA inclusa, cui bisogna aggiungere il costo degli accessori e le spese di spedizione, mentre il prezzo sale a 100 euro circa per una tartarughiera di analoghe dimensioni completa di pompa e isola filtrante in resina, per toccare i 250 euro circa per una tartarughiera da design 110x55, altezza posteriore 48cm, altezza anteriore 32 cm, spessore vetro 6mm, escluso accessori.

Quanto costano gli accessori per acquario tartarughe?

A scopo indicativo: il prezzo di una pompa di ricircolo, spazia dai 10 ai 20 euro circa; il prezzo di un filtro interno media qualità oscilla dai 25 ai 50 euro circa, per una tartarughiera di 50 lt circa; Il prezzo di un filtro esterno spazia dai 100 ai 300 euro circa, passando da una tartarughiera di 150 lit max ad una di 500 lt max; il prezzo di una lampada da illuminazione bianca a risparmio energetico, potenza 30 Watt, è prossomo ai 10 euro.

Torna su


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360