Allevamento di un San Bernardo.


Allevamento di un San Bernardo



L’allevamento di un San Bernardo comincia con la scelta del cucciolo, che va fatta senza perdere di vista l’inquietante commercio clandestino di cuccioli provenienti dai paese dell’Est Europa. Si tratta, quindi, di rivolgersi ad allevatori che offrono adeguate garanzie di serietà e professionalità, consapevoli che si tratta di una scelta impegnativa, che vincola per lunghi anni. Per una certa tranquillità, bisogna comprare solo cuccioli muniti del Pedrigree (documento riportante tutti i dati del cucciolo, compreso l’elenco completo dei suoi ascendenti).

Fondamentale è ospitare il nuovo ospite in un ambiente sano e pulito, che prevede un angolo solo per lui, nel rispetto della propria privacy, senza mancare di contribuire alla perfetta integrazione del cucciolo nel proprio contesto familiare. In particolare, per allevare un cane San Bernardo non si può prescindere dalla conoscenza delle regole di una corretta alimentazione, tenuto conto che si tratta di un gigante, il cui peso, per gli esemplari maschi, può sfiorare i 100 chili. Al guardo, diventano fondamentali i consigli dell’allevatore nei primissimi giorni e quelli del veterinario successivamente.

Il San Bernardo, presunto discendente del mastino tibetano, è un cane conosciuto e amato in tutto il mondo, sia per il suo determinante contributo nel salvataggio di vite umane sotterrate da valanghe di neve, sia per il suo carattere gioioso e buono. Di questa razza si hanno notizie attendibili solo dagli inizi dell’800, da quando cioè alcuni esemplari, ospitati dall’Ospizio del Gran San Bernardo, vennero addestrati con grande successo per il soccorso alpino e non solo.

Il cane di San Bernardo, fin da cucciolo, evidenzia il suo forte legame con i membri della famiglia che lo ospita. Oltre ad essere, come abbiamo detto, il numero uno se addestrato per il soccorso alpino, è anche un ottimo cane da guardia, senza ostentare però quella fastidiosa aggressività delle altre razze. E’ un cane molto forte, ma nello stesso tempo molto buono, un cane di classe, imponente ma elegante. Il cane San Bernardo può diffuso è quello a pelo lungo. In realtà, alle origini la razza era esclusivamente a pelo corto. Successivamente, a seguito di incroci con razze a pelo lungo, tra cui forse il terranova, è stata realizzata la specie a pelo lungo.

Con riguardo al prezzo, un cucciolo di cane San Bernardo può costare dai 700-800 euro a salire, per superare anche 2.000 euro, in funzione del proprio Pedrigree. I sistemi per educare ed addestrare un cucciolo di San Bernardo sostanzialmente non differiscono da quelli validi per i cuccioli di qualsiasi razza. In particolare, sebbene a tutti i cuccioli bisogno insegnare l’obbedienza, la cosa diventa più pressante per l’allevamento di un San Bernardo, in considerazione della loro grossa taglia.

Torna su


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360