Manutenzione straordinaria immobili.


Manutenzione straordinaria immobili

Sono interventi di manutenzione straordinaria degli immobili quelli che interessano le parti strutturali degli stessi. Come gli interventi di manutenzione ordinaria anche quelli di manutenzione straordinaria mirano alla conservazione dell’immobile nel tempo, combattendone ogni forma di degrado.

Sono, pertanto, interventi di manutenzione straordinaria quelli che interessano il consolidamento statico dell’immobile o che mirano alla realizzazione ex noto di impianti diversi da quelli già esistenti.

E’ opportuno osservare che gli interventi di manutenzione straordinaria, pur essendo significativi e rilevanti, non devono modificare gli elementi che caratterizzano l’immobile, come la destinazione d’uso, la cubatura, il numero dei piani, la forma. Ad esempio, l’eliminazione di parete divisorie delle singole unità abitative rientra negli interventi di manutenzione straordinaria, mentre la copertura, anche parziale, di un terrazzo ne risulta esclusa, e rientra tra gli interventi di ristrutturazione edilizia. Il riferimento normativo della materia è il Decreto del Presidente della Repubblica n.380 emanato nel 2001.  

Gli interventi di manutenzione straordinaria a differenza di quelli di manutenzione ordinaria necessita di autorizzazione da parte dell’Ufficio Tecnico del Comune competente per territorio. Circa la richiesta delle  autorizzazioni,  Il Decreto Legge n.40 del 25/3/2010 le ha escluse per alcuni interventi meno significativi, tipo la rimozione di tramezzi, a patto che il locale Regolamento edilizio non prevede una normativa più stringente.  

In presenta di immobile condotto in affitto, le spese relative alla manutenzione straordinaria fanno capo al locatore.

Torna su


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360