Mutuo alla francese.


Mutuo alla francese



Il mutuo alla francese è un particolare tipo di mutuo in cui il piano di ammortamento viene calcolato con un sistema detto alla francese. Innanzi tutto chiariamo che cosa intendiamo per piano di ammortamento. Il piano di ammortamento è il sistema con cui si calcola l'ammontare della rata con cui il prestito (mutuo)vene restituito dal debitore all'istituto di credito. Ogni rata è costituita da due diverse voci: una quota capitale (che è quanto si è avuto in prestito)ed una quota interesse. Ora la rata può essere costante se il mutuo è a tasso fisso (stabilito all'atto della stipula) variabile se il tasso di interesse è variabile. Vediamo ora in cosa consiste il piano d'ammortamento alla francese. Nella composizione della rata, nel piano francese, la quota interessi sarà inizialmente la più alta di tutto il periodo di ammortamento. Ovviamente se il mutuo è a tasso fisso l'importo della rata non cambia ma cambia nel tempo la sua composizione inizialmente sarà massima la quota interessi e minima quella capitale. Alla fine invece sarà massima la quota capitale e minima quella interessi. Ora se non si recede anticipatamente dal mutuo nulla cambia: alla scadenza il debitore avrà pagato quanto dovuto di interessi e capitali ed avrà poca importanza se ha pagato prima l'uno e poi l'altro. Ben diverso invece è il discorso se dopo qualche anno si decide di recedere in anticipo dal mutuo. In tal caso infatti quando si effettuerà il computo delle somme di capitale ed interesse da restituire si scoprirà di aver già pagato buona parte degli interessi e poco ammontare del capitale. Queste considerazioni hanno indotto alla fine del 2008 il tribunale di Bari nella sua sezione distaccata di Rutigliano nella persona del giudice Pietro Mastronardi a condannare il Banco di Napoli per la stipula di un contratto di mutuo in cui si applicava un piano di ammortamento alla francese con interesse composto. La condanna è scaturita in base alla norma del Codice Civile (articolo 820/821)che prevede che la regola dell'interesse composto può essere applicata in un contratto solo in fase successiva alla maturazione dell'interesse stesso e non in precedenza come avviene in quello "francese".

Torna su


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360