Antipasti finger food.


Antipasti finger food

    Indice:

  1. Le basi del finger food
  2. Antipasti finger food con verdura
  3. Antipasti finger food  di pesce
  4. Antipasti finger food di carne
  5. Antipasti finger food fritti
  6. Antipasti finger food da forno
  7. Finger food in bicchierini
  8. Aperitivo lungo finger food

Gli antipasti finger food sono un’innovazione nella cucina italiana, consistono in una serie di assaggi di piatti diversi serviti di solito a buffet in porzioni molto piccole, adatte ad essere mangiate in un sol boccone tenendole con due dita, fingers in inglese. Sempre più spesso gli antipasti finger food vengono sostituiti al classico antipasto unico, per permettere al commensale di assaggiare più cose e scegliere gli antipasti che preferisce secondo il suo personale gusto.

Le basi del finger food.

Gli elementi caratterizzanti del Finger food sono i cibi solidi e non, che si prestano ad essere serviti in piccolissime porzioni, il modo di consumarli, in piedi a buffet o serviti al tavolo, l’attenzione riposta nei modi di servirli e alla scelta dei contenitori, in linea con le grandezza delle porzioni.

I cibi adatti.

Quasi tutte le pietanze possono essere preparate e servite sottoforma di antipasto finger food, l’importante è che si possano ridurre in porzioni piccole e mangiare con le mani anche se ormai sono entrati nell’insieme dei finger food anche piatti morbidi e liquidi che vanno mangiati con forchetta o cucchiaio in piattini, coppette e bicchierini di dimensioni ridotte, pensati proprio per questo scopo. I cibi asciutti come focaccie e frittate possono essere tagliate a cubotti di 3-4 cm o preparate e cotte già in porzioni piccole, lo stesso vale per la pizza o i rustici, anche i formaggi vanno pretagliati a listarelle o a quadretti da accompagnare con salumi affettati, olive e sott’oli e panini mignon o bruschettine. Da un po’ di tempo tra gli antipasti di questo tipo figurano anche assaggi di pasta, riso o altri cereali sia freddi che caldi, serviti in coppette molto piccole con altrettante piccole forchette.

Le porzioni.

Nel servizio di antipasti finger food si hanno due possibilità, preparare un buffet oppure servire al tavolo un piatto di antipasti finger food assortiti, vediamo le differenze:

  • Buffet di antipasti finger food. Dal buffet gli ospiti si potranno servire riempiendo il proprio piatto autonomamente o con l’aiuto di un cameriere e poi mangiare in piedi oppure andarsi a sedere al tavolo. In questo caso tutte le pietanze dovranno essere già porzionate e pronte per essere servite, l’ospite dovrà soltanto prendere un piatto vuoto dall’angolo del tavolo buffet preposto con piatti e posate e scorrere lungo il tavolo prendendo gli assaggi d’antipasto che preferisce.
  • Antipasti finger food serviti al tavolo. In questo caso vanno preparati dei piatti piani con una scelta di antipasti assortiti limitata rispetto al buffet, con 1 o 2 porzioni dell’antipasto a seconda delle dimensioni e della pietanza, ad esempio si può servire in un unico piatto 2 tocchetti di formaggio con 3 olive, 2 fettine di salame, 1 cubotto di pasta al forno, 1 cubotto di frittata, 1 focaccina, 2 olive ascolane e 1 bicchierino di purè di patate.

La presentazione.

Come in tutta le portate di un pasto anche gli antipasti vogliono un’ attenzione all’estetica e se si tratta di finger food l’attenzione dovrà essere anche maggiore perché un assaggio di insalata di riso sembrerà più bello se servito in una coppetta piuttosto che a cucchiaiate in un piatto di antipasti. Gli accorgimenti necessari sono pochi e semplici e per il resto, si può dare sfogo alla propria fantasia e creatività.

In un buffet di antipasti finger food è preferibile che le pietanze siano disposte per tema, quindi i fritti tutti da una parte, gli assaggi di primo tutti insieme e così via a seconda delle pietanze servite.

Nel caso in cui si decida di servire gli antipasti finger food al tavolo in un unico piatto, anziché usare bicchierini e coppette per le pietanze “slegate” come la pasta ad esempio si potrà usare un coppa pasta per dare una forma tonda ad un assaggio di pasta. E’importante che il piatto dopo riempito e prima di essere servito venga ripulito da eventuali goccioline di condimento o salse scappate nel comporre il piatto per dare un aspetto ancora più piacevole al piatto.

Per decorare e presentare le pietanze si può dare sfogo alla propria fantasia e armandosi di tanta pazienza si possono ottenere degli ottimi risultati, vediamo qualche esempio:

  • 1 ciuffetto di prezzemolo oppure timo fresco per decorare creme, salse e zuppe;
  • 1 stecchino lungo decorato per tocchetti di frittata, pizza rustica, focaccia;
  • Piccoli coni di carta paglia per servire le fritture;
  • Ostriche vuote per assaggi di pesce;
  • Spiedini per ciliegine di bufala, pomodorini e basilico;
  • Scorzette d’agrumi e pomodorini canditi;
  • Glassa all’aceto per decorare i piatti bianchi.

Contenitori.

Oggi che il finger food è molto diffuso, nei negozi specializzati è possibile trovare moltissimi tipi di contenitori per servire assaggi di pietanze in monoporzione, spesso le coppette sono in plastica monouso di colore nero oppure trasparenti con bicchierini e forchettine coordinate, ma ne esistono di tutti i colori e forme, il fattore comune è la piccola dimensione, giusta per un unico assaggio. Per un risultato più sofisticato si possono utilizzare bicchierini che sembrano pendere da un lato oppure piattini asimmetrici dalle forme futuristiche e d’impatto, di ceramica bianca o nera oppure di vetro o di legno.

Antipasti finger food di verdura.

Per antipasti finger food dedicati agli amanti degli ortaggi si potrebbero servire involtini di verdure grigliate ripieni di formaggio, un piatto molto semplice e veloce, si grigliano delle zucchine e delle melanzane tagliate a fette per il lato lungo e una volta fredde si arrotolano intorno ad un cuore di formaggio morbido.

Un’ altra idea molto semplice per antipasti finger food è a base di olive verdi giganti condite con sale, aglio, peperoncino e olio d’oliva e servite a temperatura ambiente oppure funghi ripieni, si scelgono i funghi champignons con un cappello che eliminato il gambo possa essere riempito, il ripieno è fatto con i gambi saltati in padella con un po’ d’aglio, tritati e amalgamati con pane grattugiato, formaggio grattugiato, prezzemolo e poco latte e la cottura si fa in forno per 15 minuti a 170°.

Per chi non sa rinunciare alla pasta si può preparare una pasta al forno con melanzane e provola affumicata, si condisce la pasta scolata molto al dente con un sugo di pomodoro e melanzane fritte, si dispone su una teglia leggermente unta e si copre con fette di provola affumicata, si inforna per almeno 20 minuti a 160° e una volta cotta si fa freddare completamente; una volta fredda si taglia a cubotti e si serve in piattini singoli da finger food.

Per accompagnare sott’oli e salumi onnipresenti nei buffet si possono servire delle bruschettine al pomodoro e pesto genovese, semplicemente tagliando una baguette a fettine abbrustolite in forno e cosparse di pesto di basilico e pomodoro a pezzetti oppure rustici ripieni di ricotta e spinaci, un’ altra preparazione molto semplice, si fodera una teglia di pasta sfoglia o brisè già pronta e si riempie con un composto di ricotta, uovo battuto, 2 cucchiai di parmigiano, sale e pepe e gli spinaci lessati e tagliuzzati, poi si inforna per 20 minuti a 160° fino a che la superficie del rustico non sarà dorata. Una volta cotto il rustico si fa freddare e si taglia piccoli spicchi in pirottini di carta colorati.

Mini Croissants alle verdure ricetta per 8 pezzi.

Mini croissant alle verdure

Un antipasto super veloce ma sempre gradito sono i cornettini di pasta sfoglia, in questo caso il ripieno è di verdure ma si può aggiungere prosciutto, formaggi saporiti, pancetta o quello che si preferisce.

Ingredienti: 1 rotolo di pasta sfoglia da cuocere, 1 zucchina; 1 melanzana; 1 spicchio d’aglio; 150 gr di ricotta; Basilico fresco; Sale e pepe; Olio d’oliva.

Preparazione: Lavare e asciugare melanzane e zucchine, tagliarle a cubetti piccoli e saltarle in padella con olio d’oliva e 1 spicchio d’aglio, intanto che le verdure cuociono tagliare la pasta sfoglia in 6 o 8 spicchi a seconda di quanto volete siano piccoli i vostri croissants salati. Togliere le verdure dal fuoco scolarle leggermente su carta paglia e salarle, sminuzzare il basilico fresco e incorporarlo alla ricotta insieme ad 1 pizzico di sale, una macinata di pepe e 1 cucchiaio d’olio e mescolare energicamente per ammorbidire la ricotta. Dividere la ricotta in 2 ciotole e incorporare in una le melanzane e in una le zucchine, versare un cucchiaino del composto di ricotta alla base del triangolo di pasta sfoglia, arrotolare dalla base verso la punta, spennellare la superficie con poco latte e cuocere a 200° per 10-15 minuti quando i cornettini si saranno ben gonfiati e dorati. Servire caldi o freddi.

Cipolle gratinate al forno ricetta per 8 pezzi.

Cipolle gratinate

Si possono usare cipolle bianche o rosse a seconda di cosa si preferisce, l’importante è che siano grandi più o meno quanto un uovo per poter essere tenute agevolmente con due dita, le cipolle cotte hanno un sapore dolciastro e aromatico e si sposano bene con la croccantezza del pane grattugiato.

Ingredienti: 1 kg di cipolle medio-piccole; Pane grattugiato; Prezzemolo; Olio d’oliva; Sale e pepe.

Preparazione: Sbucciare le cipolle e sbollentarle in acqua salata per 5-10 minuti, farle raffreddare leggermente e dividerle a metà, disporle in una pirofila unta d’olio, cospargerle di prezzemolo tritato, sale e pepe e pane grattugiato. Infornare a 180° per 1 ora circa fino a che le cipolle saranno morbide e la crosticina dorata e croccante, servire calde.

Antipasti finger food di pesce.

Per gli amanti del pesce ci sono infinite possibilità di servirlo come finger food per l’antipasto, a partire dagli spiedini che possono essere di gamberi, seppioline, salmone o tonno, infilati negli spiedi lunghi e arrostiti sulla griglia e cosparsi di un’emulsione fatta di olio, prezzemolo e qualche goccia di succo di limone.

Le più classiche tartine al caviale preparate con pancarrè tagliato a triangoli, spalmati con un velo di burro e un cucchiaino di caviale, coppetta con tartare di tonno e sesamo, tonno fresco tritato al coltello e fatto marinare con poco succo di limone per 10 minuti, condire con sale, pepe e olio d’oliva e far riposare in frigo per almeno un’ora, servire cosparsa di semi di sesamo.

Sfiziose e saporite sono le polpette di salmone, ottenute frullando grossolanamente 1 filetto di salmone con 1 uovo, sale e pepe, 1 cucchiaio di maionese e pane grattugiato, si formano poi le polpette e si friggono in olio di semi, servire calde o fredde.

Per servire tra gli antipasti una frittura di calamari, friggere gli anelli di calamari pastellati e servirli ancora caldi in coni di carta paglia con sale, pepe e uno spicchio di limone, lo stesso si può fare con alici fritte, gamberoni pastellati o frittelline di baccalà.

Un altro antipasto di salmone semplice e veloce è costituito dai tocchetti di salmone scottato con salsa di soia, si fa marinare un filetto di salmone in salsa di soia per almeno 30 minuti, si scotta 1 minuto per lato sulla piastra liscia molto calda, si taglia a tocchetti o fette spesse e si serve caldo o tiepido.

Un altro finger food di pesce è rappresentato dalle olive ascolane con tonno, olive verdi ripiene di tonno, impanate e fritte in olio bollente, oppure ancora il purè di patate con gamberetti al gratin, si lessano le patate e si schiacciano con lo schiaccia patate, si aggiusta di sale e pepe, si aggiunge 1 cucchiaio di latte e 1 di olio e i gamberetti lessati in acqua salata per 5 minuti; si versa nelle conchiglie vuote, si cosparge di pan grattato e si mette in forno con funzione grill per 15 minuti fino ad ottenere una crosticina croccante.

Coppetta di insalata di mare con carote e sedano ricetta per 8 coppette.

Insalata di mare con carota e sedano

L’insalata di mare è un antipasto fresco che può essere preparato con molto anticipo e servito in coppette singole per finger food, in questa ricetta un’aggiunta croccante e colorata data dalle carote e dal sedano.

Ingredienti: 1 kg di misto mare (totani, cozze, gamberetti, calamari, seppioline); 2 carote; 1 gambo di sedano; 2 cucchiai di olive nere snocciolate; Sale e pepe; Succo di limone; Prezzemolo; Olio d’oliva; Pan carrè tostato.

Preparazione: Lessare il misto mare in acqua salata addizionata con poco vino bianco e grani di pepe nero, scolare, salare e far raffreddare, intanto preparare un’emulsione con prezzemolo tritato, olio d’oliva, pepe nero e succo di limone. Una volta freddato il pesce unire le carote e il sedano tagliati a julienne e le olive nere tagliate a rondelle, condire con l’emulsione e 1 spicchio d’aglio schiacciato. Far riposare in frigo per 1 oretta e servire in coppette singole con un triangolino di pancarrè tostato.

Girelle variopinte ricetta per 20 pezzi.

Girelle variopinte

Queste girelle sono un’alternativa simpatica ai soliti tramezzini, il procedimento è semplicissimo e anche qui il ripieno può essere sostituito con quanto più vi aggrada come bresaola, rucola e scaglie di parmigiano oppure patè di olive e provolone dolce e per un inaspettato dolcino nel buffet degli aperitivi marmellata di albicocche e gocce di cioccolato fondente.

Ingredienti: 2 fette di pancarrè per tramezzini; 2 cucchiai di maionese; 2 cucchiai di formaggio spalmabile; 2 fette di salmone affumicato; 100 gr di tonno in scatola; 1 piattino di songino; 2 foglia di insalata verde.

Preparazione: Iniziamo schiacciando leggermente le fette di pancarrè con il mattarello, mischiare il tonno ben sgocciolato alla maionese, poi spalmare su una fetta il formaggio spalmabile, adagiarvi sopra il salmone affumicato, il songino e sull’altra fetta la maionese tonnata e le due foglie di insalata. Arrotolare le fette farcite su se stesse avvolgere i rotoli ben stretti nella pellicola per alimenti e far riposare in frigo almeno per un paio d’ore, dopodiché tagliarlo a fette spesse 1 centimetro e servire.

Antipasti finger food di carne.

La carne soprattutto declinata in insaccati e salumi è sempre presente tra gli antipasti, siano essi al tavolo o a buffet, onnipresenti tra gli antipasti finger food le fettine di salame, i tocchetti di mortadella e i rustici con wurstel, ottenuti arrotolando intorno a piccoli wurstel una quadrato di pasta sfoglia e infornati per 15-20 minuti.

Nel caso in cui si volesse osare di più si possono servire polpettine al curry e salsa allo yogurt, preparate aggiungendo al macinato misto per le polpette, formaggio grattugiato, sale e pepe, prezzemolo tritato, 1 uovo battuto, pan grattato e 1 cucchiaio di curry ben amalgamati, formate le polpette friggerle in olio bollente e servite in piattini da finger food con un cucchiaio di salsa allo yogurt, ottenuta mischiando un vasetto di yogurt bianco non zuccherato con 1 cucchiaio d’olio, il succo di mezzo limone,sale e pepe e fatta riposare in frigo per 1 ora.

Molto semplici sono anche gli involtini di prosciutto e mozzarella affumicata, si taglia la mozzarella affumicata a bastoncini e ad ogni bastoncino si avvolge intorno mezza fetta di prosciutto crudo o cotto a seconda del gusto personale, si blocca l’involtino con uno stuzzicadente e si serve adagiato su una foglia di insalata.

Per antipasto finger food sono ottime le crocchette di pollo, si taglia il pollo in bocconcini e si passa nell’uovo battuto e nel pangrattato, queste crocchette si possono friggere o cuocere in forno a 180° per 20 minuti.

Ancora più semplici sono le patate ripiene di pancetta, si lessano le patate intere per 5 minuti poi si dividono a metà e si scavano leggermente, si trita la pancetta e si mischia al ripieno scavato delle patate lesse, vi si aggiunge 1 cucchiaio di formaggio grattugiato e poco latte, si dispone 1 cucchiaino di questo composto in ogni coppetta di patata e si inforna a 170° per 15 minuti.

Per gli amanti dell’abbinamento di dolce e salato mini sandwich con fichi e prosciutto crudo, pane bianco da tramezzini tagliato in quadratini e cosparso con i fichi tritati al coltello e 1 pezzetto di prosciutto crudo sottile e per gli amanti del kebab coppette di kebab scomposto, molto semplicemente si dispone la carne per kebab in una coppetta con una foglia di insalata, 1 fetta di pomodoro e cosparsa di 1 cucchiaio di salsa allo yogurt piccante.

Insalata di tacchino e rucola rosè ricetta per 8 porzioni finger food.

Insalata di tacchino con rucola

Un insalata tiepida di esecuzione semplice e veloce, un sapore tradizionale della cucina sana con i petti di tacchino grigliati e l’insalata verde e per esagerare 1 cucchiaio di salsa rosa.

Ingredienti: 4 fette di petto di tacchino; 5-6 foglie di insalata verde; 2 cucchiai di giardiniera in agrodolce; 4 cucchiai di maionese; 4 cucchiai di ketchup.

Preparazione: Grigliare i petti di pollo avendo cura di non farli seccare troppo, tagliarli a striscioline e farli intiepidire, tagliare l’insalata e la giardiniera a julienne, mescolare ketchup e maionese e unire la salsa rosa ottenuta all’insalata e giardiniera julienne. Comporre il piatto adagiando 3-4 striscioline di tacchino su un cucchiaio di salsa e servire.

Medaglioni di polenta al ragù di salsiccia ricetta per 10 pezzi.

Medaglioni di polenta al ragù

Un’altra ricetta di semplice esecuzione, si tratta di una rivisitazione di un piatto classico del Nord Italia la polenta al ragù servita in questo caso come antipasto finger food.

Ingredienti: 200 gr di farina di mais per polenta; 2 salsiccette; 1 cipolla bianca; 250 ml di polpa di pomodoro; Sale e pepe; Olio d’oliva.

Preparazione: Far soffriggere la cipolla tritata in poco olio, spellare la salsiccia e unirla alla cipolla imbiondita far cuocere 5-6 minuti e unire la polpa di pomodoro, aggiustare di sale e far cuocere per almeno 30 minuti fino ad ottenere un ragù abbastanza denso. Intanto far bollire 500 ml di acqua insaporita con poco brodo granulare, versare la farina di mais a pioggia e mescolare fino a cottura ultimata, aggiungere 2-3 noci di burro e disporre la polenta in una teglia bassa e larga per farla raffreddare. Una volta fredda e compatta ricavarne dei medaglioni con un piccolo coppa pasta e infornare a 250° per 10 minuti per renderli dorati e croccanti, appena usciti dal forno versarvi sopra un cucchiaino di ragù di salsiccia e servire ancora caldi.

Antipasti finger food fritti.

L’angolo del fritto nei buffet è sempre quello più affollato soprattutto se friggono al momento e servono la frittura ancora fumante, le fritture si prestano benissimo ad essere inserite in piccole porzioni tra gli antipasti finger food.

Ecco alcune idee mozzarelline impanate,semplici ciliegine di mozzarella impanate e fritte in olio bollente, arancini di riso giallo ai funghi, una rivisitazione dei classici arancini siciliani, si prepara un classico risotto allo zafferano con funghi, si lascia riposare e raffreddare e una volta freddo si formano delle montagnette con in mezzo 1 pezzetto di provola, si passano nell’uovo battuto e nel pangrattato e si friggono in olio profondo.

Altrettanto semplici sono le crocchette di patate e zucca, mettere nel mixer le patate lesse a pezzi e la zucca stufata in poco olio con uno spicchio di aglio e rosmarino ben scolata dal liquido di cottura, frullare fino ad ottenere una crema omogenea aggiungere un uovo battuto, sale, pepe e pecorino grattugiato, formare dei piccoli cilindretti e rotolarli prima nell’uovo battuto e poi nel pane grattugiato, friggere le crocchette in olio di semi fino a che non saranno dorate.

Per delle sfiziose frittelline verdi ecco le frittelle di zucchine,per prepararle grattugiare le zucchine cospargerle di sale e farle spurgare dell’acqua una mezzoretta, intanto preparare una pastella densa con farina, acqua frizzante, sale e pepe e amalgamarla alle zucchine tagliate. Friggere la pastella a cucchiaiate in olio bollente e servire calde o fredde.

Una golosità tipica campana ottima per antipasti fritti finger food sono le cosiddette pizzelle fritte con pomodoro e ricotta salata, si prepara la pasta per la pizza si formano delle palline grandi quanto una pallina da golf, si lasciano lievitare fino al raddoppio e si friggono in olio bollente, una volta cotte si condiscono sulla superficie con un cucchiaio di sugo di pomodoro, una spolverata di ricotta salata e una fogliolina di basilico, servire calde.

Per gli appassionati di cucina orientale spiedini di gamberetti fritti in salsa teriyaki, si infilzano 3 o 4 gamberetti leggermente infarinati in farina di riso in uno stecchino lungo, si friggono in olio di semi e si servono accompagnati da salsa teriyaki in vendità nei negozi di cibi etnici.

Patatine fritte alla paprika.

Patatine fritte alla paprika

Sui banchetti degli antipasti raramente si trovano anche le patatine fritte, cibo principe da mangiare con le mani, a meno che non siano fatte in casa come queste, una ricetta semplice e amatissima da grandi e bambini per arricchire il tavolo degli antipasti finger food.

Ingredienti: 1 kg di patate a pasta gialla; Olio per friggere; Sale e pepe; Paprika dolce.

Preparazione: Molto semplicemente sbucciare le patate, lavarle sotto l’acqua corrente e asciugarle bene con un panno pulito, intanto far scaldare l’olio in un tegame dai bordi alti o meglio nella friggitrice, tagliare le patate per il lato corto a fette spesse 1-2 mm per ottenere la classica forma delle chips e friggerle nell’olio bollente, scolarle su carta assorbente e cospargerle di sale, pepe macinato e paprika dolce mescolati precedentemente in una tazzina. Lasciar raffreddare e servire in piccoli sacchetti di carta paglia.

Crescentine bolognesi.

Crescentine

Questo è un cibo tipico delle zone di Bologna si tratta di una sorta di calzone fritto ripieno di formaggio oppure vuoto da accompagnare con i salumi, per ottenerne di finger food basterà prepararne di piccole dimensioni.

Ingredienti: 250 gr di farina bianca; ½ panetto di lievito di birra; 60 gr di acqua; 30 gr di latte; 40 gr di panna da cucina; strutto per friggere.

Preparazione: Versare l’acqua in un pentolino accendere il fornello portare a bollore e aggiungere un cucchiaino di sale grosso, togliere dal fuoco e aggiungere il miele, il latte e la panna, una volta tiepido unirvi il lievito di birra e mescolare per discioglierlo bene nel liquido. Unire la farina al liquido tiepido e impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, fa riposare coperto con un panno per circa 1 ora. Passato il tempo di riposo prendere l’impasto e tirarlo con il mattarello per ottenere una sfoglia di 3-4 millimetri e ricavarne dei triangolini di 5-6 cm, intanto far scaldare lo strutto in una padella per friggere e una volta caldo buttarvi i triangolini che saranno cotti una volta gonfi e dorati, bastano 2-3 minuti per lato. Servire calde per accompagnare salumi e formaggi.

Antipasti finger food da forno.

Anche i prodotti da forno possono essere facilmente adattati alle dimensioni tipiche da finger food, pizzette e panini possono essere realizzati infatti di piccole dimensioni e servite in grandi ceste decorate con delle spighe per i buffet o semplicemente adagiate sul piatto assortito di antipasti.

Qualche idea di finger food di prodotti da forno, spicchi di focaccia alla zucca e rosmarino, aggiungere all’impasto della focaccia classica 1 cucchiaio di zucca cotta a vapore per ogni etto di farina e del rosmarino fresco tritato, dopo la lievitazione stendere l’impasto in una teglia unta facendo dei buchini con le dita su tutta la superficie, cospargere con poco sale e olio d’oliva e cuocere in forno a 220° per 20 minuti, una volta cotta tagliare in piccoli spicchi e servire.

Le classiche pizzette si colorano grazie a condimenti di tutti i tipi da aggiungere sulle pizzette dopo la seconda lievitazione ma immediatamente prima di essere infornate a 200° per 10-15 minuti, ad esempio con cipolla cruda o appena stufata in padella, con olive e acciughe, con gorgonzola e radicchio scottato, con patate lesse schiacciate e salsiccia sbriciolata.

Tra i prodotti da forno adatti ad essere serviti come finger food anche la quiche agli asparagi, preparata foderando una teglia di pasta brisè riempita con un composto di uova, ricotta fresca, formaggio grattugiato, sale e pepe e con gli asparagi appena sbollentati lasciati interi e disposti a raggiera nella teglia con le punte verso l’esterno. Cuocere la quiche in forno per 20 minuti a 170° e una volta cotta e raffreddata tagliare in piccole fette o in alternativa prepararla in versione mini negli stampini singoli per crostatine.

Semplici ma sempre apprezzati sono i grissini di sfoglia al parmigiano, si taglia la pasta sfoglia già pronta in strisce verticali larghe 4-5 cm, si prepara una crema al parmigiano stemperando il formaggio grattugiato in poco latte per avere una pappetta cremosa, aggiustare di sale e pepe e disporre una striscia sottile di crema nel mezzo delle strisce di pasta sfoglia che andranno poi arrotolate in forma di spirali ben strette e subito infornate a 170° per 10-15 minuti, fino a doratura. Servire disposti verticalmente in un vaso o grande bicchiere foderato con un tovagliolo colorato.

Con un po’ di fantasia e la pasta del pane del fornaio si possono ottenere tanti piccoli panini arricchiti con noci, olive, pomodori secchi, scorza di limone, parmigiano, salame e quant’altro per accompagnare simpaticamente gli altri antipasti di salumi o verdure, chiedete al fornaio l’impasto adatto per questo genere di panini come quello per i panini all’olio o al latte.

Piuttosto semplice ma con una preparazione un po’ lunga è la farinata ligure, una sorta di focaccia bassa preparata con una pastella di farina di ceci mista ad acqua e sale preparata 24 ore prima della cottura, alla quale viene aggiunto abbondante olio d’oliva prima di essere cotta in forno o in padella, tagliare a fettine e servire calda o tiepida.

Crackers rustici alla pizzaiola.

Crackers rustici alla pizzaiola

Il procedimento è veloce e semplicissimo ma appagante, ne usciranno dei cracker fragranti e saporiti adatti al buffet degli antipasti e perfetti per l’aperitivo insieme alle Chips alla paprika del paragrafo sugli antipasti fritti.

Ingredienti: 100 gr di farina di farro; 100 gr di farina bianca; 3 cucchiai di sugo di pomodoro molto ristretto; olio d’oliva; 1 cucchiaino di lievito istantaneo; origano; aglio tritato.

Preparazione: Setacciare le farine aggiungervi tutti gli ingredienti e man mano l’acqua necessaria ad ottenere un impasto liscio e omogeneo non troppo morbido, far riposare l’impasto in frigo una mezzora, poi stenderlo sulla spianatoia con il mattarello in una sfoglia spessa 3-4 mm, ritagliare i cracker con un taglia biscotti e infornare per 15 minuti a 160°, far raffreddare e servire in un cestino del pane.

Mini muffins alla feta e olive ricetta per 12 pezzi.

Muffins alla feta

I muffins sono di quanto più versatile e sfizioso ci possa essere, si possono fare grandi, piccoli, dolci, salati, ricoperti di crema o glassati, in questa versione un sapore deciso preso in prestito dalla cucina greca in piccoli sfiziosi bocconcini finger food.

Ingredienti: 125 gr di farina; 1 cucchiaino di lievito istantaneo; 100 gr di feta; 1 uovo; mezzo vasetto di yogurt greco; olive nere e verdi a piacere; sale e pepe; 1 spicchio d’aglio; 2 cucchiai di olio di semi; 12 pomodorini.

Preparazione: Sbattere l’uovo e unirlo a yogurt, un cucchiaino di sale, 1 macinata di pepe e l’olio di semi, mescolare e unire la farina e il lievito amalgamando bene il composto ma senza lavorarlo troppo. Unire la feta tagliata a tocchetti, l’aglio tritato e le olive nere e verdi tagliate a tocchetti, versare il composto nello stampo per mini muffins oppure riempiendo 12 pirottini per ¾, adagiarvi un pomodorino e infornare a 180° per 20-25 minuti.

Finger food in Bicchierini.

Finger food in Bicchierini

I bicchierini sono un modo innovativo per servire in porzioni singole assaggi di mousse, zuppe fredde e calde ma anche creme da mangiare con il cucchiaio, tra gli antipasti finger food che si possono servire in bicchierini il gazpacho andaluso, un piatto spagnolo a base di pomodori, cetrioli, cipolla e peperoni rossi tritati insieme e serviti con pane raffermo, oppure la mousse di prosciutto cotto, ottenuta frullando il prosciutto cotto con un formaggio spalmabile, sale, pepe poco brandy e 1 cucchiaio di panna da cucina, versare nei bicchierini con la sac à poche e inserirvi una scorzetta di pane abbrustolita e condita con sale e olio.

Per la fonduta di formaggio si fanno fondere una scelta di formaggi di proprio gradimento come la fontina, il gorgonzola o formaggi stagionati grattugiati in poca panna e si serve calda accompagnata da crostini di pane croccanti e una forchettina per poterli intingere nella fonduta.

Un’idea carina per un bicchierino da finger food è la vinaigrette all’aceto di frutta con pinzimonio di verdure, il bicchierino è necessario per contenere la vinaigrette fatta di 2 parti di olio d’oliva, 1 parte di aceto di frutta, ad esempio lamponi, 1 parte di succo di limone, sale e pepe emulsionati con una frusta. Il bicchierino con la vinaigrette dovrà essere adagiato su un piattino contenente verdure crude tagliate sottili come finocchi, carote, ravanelli, peperoni intinte nel condimento e mangiate.

Una ricetta che sorprenderà anche gli scettici sui fagioli, la vellutata di fagioli cannellini, ridurre in crema i fagioli cannellini già cotti in precedenza con qualche rametto di rosmarino, aggiungere poca panna da cucina e continuare a frullare, versare nei bicchierini decorati con una cimetta di rosmarino e servire.

Pesto di avocado con tonno e maionese.

Una crema grossolana dal sapore acidulo ma delicato, dal colore poco invitante ma ottima mangiata da sola o per farcire panini e tramezzini, in questo caso servita in bicchierini mono porzione da finger food.

Ingredienti: 1 avocado maturo; 2 scatolette di tonno; 4 cucchiai di maionese; sale.

Preparazione: Svuotare l’avocado della sua polpa e tagliarla a pezzetti, unire il tonno sgocciolato, poco sale e la maionese e frullare quanto basta per amalgamare gli ingredienti senza ridurre tutto in crema, servire nei bicchierini con un cubetto di avocado fresco e 1 gamberetto appena scottato in acqua salata.

Bicchierini di crema di ceci alla paprika ricetta per 8 bicchierini.

Con l’introduzione dei bicchierini nei buffet per antipasti e aperitivi è stato possibile servire creme, zuppe e mousse già porzionate eliminando il problema delle grandi zuppiere per servire gli ospiti uno ad uno, di solito alla parte cremosa si abbina una parte croccante all’interno dello stesso bicchierino.

Ingredienti: 200 gr di ceci lessi; 1 cucchiaio di semi di sesamo; succo di limone; sale e pepe; 8 gamberi sgusciati; pane grattugiato; 1 uovo; paprika dolce; olio d’oliva; olio di semi.

Preparazione: Frullare i ceci con un mestolo di acqua di cottura, il succo di mezzo limone e il sesamo in modo da avere una crema senza grumi, regolare il sale e pepe e aggiungere 1 cucchiaio di olio d’oliva. Infilzare i gamberi sgusciati in uno stecchino lungo, uno per ogni gambero, passarli nell’uovo sbattuto e nel pangrattato, friggerli a testa in giù senza immergere completamente lo stecchino in olio di semi fino a doratura e scolare su carta assorbente. Comporre il bicchierino con 2-3 cucchiai di crema di ceci, 1 spolverata di paprika dolce e lo spiedino di gambero fritto, servire tiepidi o freddi.

L’aperitivo lungo con gli antipasti finger food.

Da un po’ di anni è dilagata nel nostro paese la moda del cosiddetto aperitivo lungo, ci si incontra infatti verso le 18-19, si paga una quota fissa dai 7 ai 10€, si prende da bere e si mangia da un buffet riempiendosi a sazietà fino alle 21, dopo per i più temerari potrebbe seguire la cena ma di solito questo aperitivo sostituisce il pasto serale. In questo frangente gli antipasti finger food la fanno da padrone, le mini porzioni sono infatti sempre più diffuse sui tavoli dell’aperitivo riempiti di coppette e bicchierini dalle forme e i colori più svariati che contengono piatti serviti nella quantità di un assaggio di antipasto da accompagnare con mini panini, pizzette e focaccine e un bicchiere di prosecco, l’aperitivo per eccellenza.

Torna all'indice


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360