Come curare i capelli.


Come curare i capelli



Consigli e suggerimenti su come curare i capelli e mantenere intatta la brillantezza e la morbidezza naturale dei vostri capelli. Una guida semplice e alla portata di tutti per affrontare e risolvere i problemi quotidiani dei capelli sfibrati, dei capelli secchi, della forfora e dei capelli stressati dal mare e dal sole estivi. Impariamo insieme come scegliere lo shampoo giusto, come lavare i capelli, come curare i capelli con l’alimentazione corretta, come applicare le maschere nutritive, come trattare i capelli stressati e sfibrati ecc..

Per poter avere sempre dei capelli soffici e brillanti bisogna usare una serie di accorgimenti, stando sempre attenti soprattutto durante i cambi di stagione. In questi periodi dell’anno, infatti, i capelli tendono ad inaridirsi se sono sottili oppure ad incresparsi se sono ricci. Anche l’uso prolungato e frequente di spazzole, piastre, phon, tinture per capelli, riflessanti ecc tende a sfibrare ed indebolire i vostri capelli. Non sono però necessarie terapie d’urto per ridare vita a brillantezza ai capelli, basta un po’ di attenzione e qualche semplice accorgimento da adottare sin dal lavaggio e dalla scelta dello shampoo.

La dieta per mantenere la salute dei capelli

I capelli sono composti sostanzialmente da una proteina, la cheratina, presente per una percentuale corrispondente al 65%-95%.

Per favorire quindi il mantenimento della bellezza e dell’aspetto naturale dei propri capelli si possono adottare dei semplici accorgimenti alimentari come: mangiare almeno due volte a settimana carni bianche o rosse alternandole con del pesce per irrobustire i capelli ed evitare che diventino secchi, sottili e fragili., è necessario infatti fare anche attenzione al giusto apporto di proteine: se queste vengono ingerite in quantità insufficienti possono provocare la diminuzione del diametro del bulbo dei capelli e la conseguente perdita di colore. Stesso discorso anche per le vitamine, gli oligoelementi e i minerali che se assunti in quantità troppo basse possono determinare la caduta dei capelli.

Come lavare i capelli

Fondamentale per il mantenimento e la cura della bellezza dei capelli è ovviamente il lavaggio, che dovrebbe avvenire con frequenza regolare e con l’utilizzo di uno shampoo non aggressivo. La frequenza consigliata per il lavaggio è di circa due volte a settimana. Se il capello è secco è bene non esagerare con i lavaggi. Quando si lavano i capelli, infatti, si asporta anche lo schermo lipidico protettivo, e nel caso di capelli secchi si potrebbe produrre un danneggiamento della fibra. I capelli grassi, invece, vanno lavati con maggior frequenza.

Come scegliere lo shampoo

Per il lavaggio dei capelli secchi si consiglia uno shampoo idratante e delicato, se invece il capello è grasso si dovrebbero scegliere dei prodotti antiseborroicii, che agiscono per diminuire la secrezione sebacea. In genere questi shampoo sono a base di derivati dello zolfo, oppure a base di olio di Cade, o di legno di ginepro. Per potenziare l’azione dello shampoo è bene, dopo il lavaggio, usare anche il balsamo che svolge un’ulteriore azione protettiva. I migliori sono quelli che contengono idrolizzati proteici come i polisaccaridi e i derivati siliconici. Per prevenire o curare la caduta dei capelli è bene abbinare lo shampoo con oli essenziali a base di alloro, salvia, rosmarino e timo.

Come combattere la forfora

La forfora è causata da un’irritazione del cuoio capelluto sul quale si formano funghi e batteri che provocano la classica desquamazione della forfora. Questo fenomeno, provocato da stanchezza, stress ma anche clima freddo, tende ad essere più frequente d’inverno per poi attenuarsi durante il periodo estivo. Per poter combattere la forfora bisogna utilizzare tutti i giorni uno shampoo antimicotico, il cui effetto è proprio quello di una requilibratura della presenza di batteri. Questo tipo di trattamento va seguito per circa due settimane ed abbinato all’uso di una maschera-peeling che aiuta il ricambio cellulare. Anche l’alimentazione è fondamentale per combattere l’insorgere della forfora. La dieta da seguire in questi casi prevede il consumo due volte a settimana di carne rossa e proteine e di pesce durante gli altri giorni. Ogni pasto dovrebbe poi essere accompagnato dal consumo di verdure e carboidrati.

Come curare i capelli dopo il periodo estivo: le maschere per capelli

L’estate è il momento in cui i capelli subiscono più stress a causa della prolungata esposizione all’acqua e al sole. Per poter ridare brillantezza e morbidezza ai capelli dopo il periodo estivo bisogna utilizzare delle maschere, che idratano, nutrono, e rivitalizzano i capelli sfibrati. Le caratteristiche delle maschere presenti in commercio variano ovviamente a seconda della qualità del capello e dell’azione che producono. Bisogna, dunque, scegliere la maschera più adatta al tipo di problema che si desidera affrontare e poi procedere alla sua applicazione. Si consiglia di utilizzarla almeno una/due volte a settimana per capelli particolarmente rovinati, una volta ogni 20 giorni invece per capelli che risultano leggermente sfibrati. La maschera può essere applicata sia prima che dopo lo shampoo, stando attenti a distribuirla in maniera uniforme su tutto il cuoio capelluto. Potete aiutarvi con un pettine a denti larghi, meglio se in legno. State anche molto attenti a distribuire la maschera a partire dalla radice del capello.

Torna su


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360