Come diventare nutrizionista.


Come diventare nutrizionista



La guida mostra in maniera dettagliata chi è il nutrizionista e cosa prevede il suo lavoro e tutto quello che bisogna fare per diventarlo.

Diventare nutrizionisti prevede un corso di studi davvero lungo e difficile.

Il nutrizionista è un medico che si occupa di tutto quel che riguarda la nutrizione. Il termine nutrizionista è però abbastanza generico,indicando tutti coloro che sono esperti di nutrizione il che potrebbe generare confusione facendo credere che possa essere nutrizionista anche chi non ha titoli specifici. Più precisamente quindi il medico nutriziosta è un medico o un biologo abilitato alla professione, che può prescrivere diete, ma senza poter formulare di diagnosi, cure e rimedi.

Entrando nel dettaglio le sue conoscenze riguardano :

  • le proprietà dei nutrienti contenuti negli alimenti,
  • i meccanismi di digestione,
  • gli effetti della malnutrizione,
  • la legislazione alimentare nazionale sul controllo degli alimenti,
  • le principali tecnologie industriali che si applicano nella preparazione di integratori alimentari,
  • le principali tecniche laboratostiche di valutazione dello stato di nutrizione,
  • gli apporti energetici dei singoli alimenti,
  • l'influenza degli alimenti sulla prevenzione delle malattie,
  • il rischio nell'assunzione di sostanze contenute nella dieta,
  • le tecniche di rilevamento dei consumi alimentari,
  • le strategie di sorveglianza nutrizionale in particolare condizioni come gravidanza, allattamento, crescita, attività sportiva oppure in quei casi in cui l’individuo è sottoposto a stress,
  • le problematiche riguardanti le politiche alimentari nazionali e internazionali,
  • la qualità degli alimenti e i metodi che valutano la loro sicurezza e la loro idoneità per il consumo umano,
  • la corretta assunzione di alimenti, che facciano raggiungere i livelli di mantenimento di stato di salute,
  • informare ed educare sui principi di sicurezza alimentare.
  • una volta inquadrata la sua figura, vediamo cosa bisogna fare per diventare un nutrizionista specializzato.

Cosa fare :

Come abbiamo già accennato il percorso è abbastanza lungo.

In teoria ci sono due modi per raggiungere questo obiettivo, ma solo uno seguirà un iter professionale medico.

  • Bisogna frequentare la facoltà di medicina e chirurgia, che è a numero chiuso e necessita quindi di una buona preparazione per superare il test d’ingresso.
  • La facoltà prevede un percorso di sei anni, con esami e tirocini.
  • Solo acquisendo questa laurea potrai conseguire l’abilitazione alla diagnosi e alla cura delle malattie.
  • Oltre che in medicina si può conseguire una laurea triennale in Biologia, Biotecnologie mediche,
  • Farmacia, Chimica, Medicina veterinaria. Una volta laureati, sarà necessario comunque completare il percorso di studi con la specialistica di due anni.
  • Queste lauree ti consentiranno di operare nel settore dell’alimentazione, ma secondo la professione di origine, quindi, senza l’abilitazione medica.
  • Ottenuto uno di questi titoli, secondo le due strade mostrate, bisogna iscriversi alla specializzazione in “Scienza dell’Alimentazione”, presente, spesso, direttamente all’interno della facoltà di medicina.

    Questo ulteriore percorso di studi dura quattro anni, alla fine del quale si dovrà sostenere l’esame di stato per l’abilitazione all’esericizio della professione, cercando in tutti i modi di ottenere il voto più alto possibile.

    Solo allora sarai finalmente un nutrizionista e potrai iniziare ad esercitare la professione.

    C’è un ulteriore strada che si può intraprendere ovvero conseguire una laurea triennale in biologia, biotecnologie o dietistica. Iscriversi poi al biennio specialistico in scienze della nutrizione, sempre presente alla facoltà di Medicina e chirurgia che è un corso a numero chiuso che prevede un tirocinio in un reparto ospedaliero, ma a cui è molto difficile accedere per la difficoltà e il numero di posti.

    Consigli utili :

    E’ sorprendente come sia elevato il numero di testimonianze di professionisti delle scienze alimentari che hanno avuto difficoltà, dopo la laurea, nonostante abbiano conseguito alte votazioni, a trovare lavoro. Comunque questo problema è comune a quasi tutti i mestieri, quindi non bisogna scoraggiarsi se questa professione rappresenta davvero il vostro sogno.

    In ogni caso, se non riuscite a conseguire la specializzazione, l'unica alternativa è imparare tramite esperienza diretta affiancandosi ad esperti professionisti. In nessun caso bisogna improvvisarsi specialisti, sia per scorrettezza nei confronti dei colleghi che sono arrivati a questa strada con sacrificio, sia per non infangare il nome della categoria, sia soprattutto per la salute dei pazienti. Non bastano le diete preconfezionate generate dai software o che possiamo trovare in qualsiasi rivista e che a lungo termine non daranno poi i risultati sperati, ma è necessario che il nutrizionista educhi professionalmente il paziente ad una sana alimentazione, prevenendo la formazione di patologie più serie. Dietro un incremento o una diminuzione di peso può nascondersi infatti una componente emotiva che non è facilmente individuabile e interferirà sull'efficacia e la durata del trattamento.

    Il suo compito dovrebbe essere, quindi, quello di dare coscienza alimentare al paziente e garantirgli di raggiungere gli obiettivi fissati nel lungo periodo e di mantenerli. Ciò non significa solo dimagrire, ma raggiungere un'armonia con il cibo, che ci permette di svolgere al meglio le nostre attività. Sana alimentazione è sinonimo di vita sana, minore rischio di malattie e freno alla vecchiaia.

Torna su


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360