Disdetta polizza rca.


Disdetta polizza rca



Di seguito troverete consigli utili e spiegazioni che aiuteranno ad affrontare la disdetta dell’assicurazione RCA con più serenità qualunque sia la tipologia di contratto che avete stipulato,sia in esso previsto il tacito rinnovo (contratto poliennale),sia quello in cui non è previsto.

In Italia per tutelare il guidatore da responsabilità civile in caso di danni a terzi causati dal veicolo di proprietà esiste l’RCAuto (Responsabilità Civile Autoveicoli appunto) essa però non è una polizza standard ma varia a seconda della compagnia assicurativa alla quale ci si rivolge ed alle reali e concrete esigenze del richiedente.

Questo ha di fatto permesso che nascesse un vero e proprio mercato del settore e che quindi il consumatore si potesse trovare a decidere ogni anno di cambiare polizza e stipulare contratti diversi con compagnie differenti. Ci sono molti motivi a giustificazione di questo,il principale è di sicuro la speranza di ricavarne un cospicuo risparmio sul costo della polizza. Risparmiare sulla propria polizza di assicurazione RCA equivale a comparare le varie offerte e gli eventuali preventivi per trovare il più adatto, quindi se ci si prefissa di risparmiare sulla propria assicurazione anche tra i 500/600 euro è utile sapere che non è un’impresa impossibile,anzi!

Naturalmente non è obbligatorio correre da un’agenzia all’altra grazie alla presenza online di programmi che in pochi minuti calcolano il preventivo più conveniente ed adatto ad ogni esigenza.

Una volta sicuri della decisione di cambiare la propria polizza risulta fondamentale conoscere la procedura burocratica di disdetta della polizza stessa, per evitare sprechi di tempo e denaro e sapere che a partire dal 1° gennaio 2006 con l’introduzione del Nuovo Codice delle assicurazioni private, tra le numerose innovazioni c’è anche la disciplina della disdetta.

Infatti nonostante sia ancora opinione diffusa che sia necessario inviare un mese prima della scadenza della polizza auto una lettera di disdetta, ormai non è più così.

Il termine procedurale è stato difatti ridotto a 15 giorni ed in alcuni casi la disdetta non è neanche necessaria.

Tipologia 1: la disdetta non è necessaria

La disdetta non è necessaria qualora nel contratto non fosse previsto il tacito rinnovo.

Questo è il caso di tutte quelle polizze stipulate con le compagnie di assicurazioni telefoniche ed online,ma anche di alcune compagnie storiche.

Un altro caso in cui non è necessaria la disdetta è se si è ricevuto un aumento del premio superiore al tasso di inflazione programmato e non sono cambiate le condizioni(per esempio nessun sinistro stradale oppure nessun cambio di autoveicolo).

Tipologia 2 : la disdetta è obbligatoria

Purtroppo però non sempre è così semplice, infatti la maggior parte dei contratti RCAuto presentano la clausola di tacito rinnovo,soprattutto se ci si rivolge a compagnie tradizionali (ovvero non tramite internet o telefono).

Per questo tipo di contratti occorre dare disdetta alla compagnia assicurativa,mediante una raccomandata A.R. o via fax almeno quindici giorni prima della data di scadenza.

Esistono comunque delle eccezioni anche in questo caso:

  • per esempio nel caso in cui la compagnia non abbia provveduto ad inviare (o lo abbia fatto con ritardo) il certificato di rischio minimo 30 giorni prima della scadenza e l’attesa comunicazione in cui compare l’importo del premio;
  • oppure nel caso in cui il nuovo premio abbia subito un aumento superiore al tasso programmato di inflazione;
  • o anche nel caso in cui le condizioni contrattuali prevedano, come modalità di comunicazione dell’adeguamento del premio, la semplice affissione in agenzia.
  • Solo in questi tre casi la disdetta può essere data il giorno della scadenza.
  • Tutto ciò è regolamentato dall’Art.5 Legge 2 aprile 2007, n. 40

Consigli e suggerimenti

Un consiglio utile può essere inviare anticipatamente la raccomandata all’agenzia evitando di ridursi ali ultimi giorni visto che a contare è il giorno d’arrivo e non quello d’invio. Ora che si hanno le idee più chiare l’unico problema che può sorgere è non sapere o non ricordare che tipo di contratto si è stipulato. Fortunatamente è un problema di facile soluzione, basterà rileggere le clausole contrattuali oppure inviare una ventina di giorni prima della scadenza della polizza una lettera di disdetta dell’assicurazione auto, in questo caso l’unico rischio sarebbe sprecare una raccomandata!

Torna su


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360