Pagamento bollo auto.


Pagamento bollo auto



La guida fornisce tutte le possibili notizie sul pagamento del bollo auto. Ossia: come, quando, dove e da chi deve essere effettuato.

Il bollo auto è considerato tassa di possesso e perciò va pagata finchè il veicolo risulta in nostro possesso anche se non lo si usa.

Il bollo automobilistico dal 97 è una competenza delle regioni perlomeno di quelle che godono di statuto ordinario che sono la maggioranza. Per le regioni: Val d'Aosta, Venezia Giulia-Friuli, Sardegna e Sicilia che hanno statuto speciale la competenza è del Ministero delle Finanze. Per le provincie di Trento e Bolzano è competenza della Provincia medesima.

L'ammontare del bollo è funzione della potenza e di quanto inquina la macchina. E in base quindi a classe ambientale ed ai cavalli fiscali è possibile calcolarlo. Tutto questo è però materia di un altro articolo e per tale motivo non verrà considerato. Focalizziamo invece la nostra attenzione sulle modalità di pagamento.

Innanzi tutto chi deve pagare il bollo?

Il pagamento è a cura di colui che al Pubblico Registro Automobilistico risulta proprietario del veicolo ed è tenuto ad effettuarlo finché l'auto risulti registrata a suo nome o non venga cancellata per rottamazione.

Il pagamento del bollo è annuale e può effettuarsi a partire dal primo del mese successivo a quello di immatricolazione. In tale mese dal giorno 1 al 31 il bollo si pagherà senza mora. Superato tale termine scattano interessi e penali.

Dove e come si può pagare il bollo?

Le possibilità sono molteplici e la normativa non è la stessa per tutte le regioni proviamo a riassumere semplificando il più possibile.

I posti in cui è possibile pagare il bollo sono:

- All'Ufficio postale. Una volta per effettuare il pagamento bisognava conoscere esattamente potenza fiscale del proprio veicolo e le tariffe in funzione della classe ambientale e quindi effettuare il calcolo per compilare l'apposito bollettino. In alternativa se il pagamento avveniva in ritardo bisognava connettersi al sito dell'Agenzia delle entrate:

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/wcm/connect/Nsilib/Nsi/Servizi/Bollo+auto/Calcolo/

e col numero di targa si otteneva l'esatto importo da pagare. Ora anche le Poste sono connesse con l'archivio automobilistico per cui occorre compilare un modulo con tipo e targa della macchina, regione di residenza, codice fiscale. Il pagamento si può anche effettuare online sul sito delle poste con carta di credito.

- Agenzie autorizzate dalla regione al pagamento delle tasse automobilistiche. Avendo queste ultime connessione con il registro basta il solo numero di targa e l'importo comprensivo di more ed interessi risulterà automaticamente.

- Tabaccai dotati del sistema Lottomatica. Per il primo pagamento occorre compilare una scheda con i dati del veicolo. Per i successivi basta un vecchio bollo. L'importo con eventuali more esce automaticamente.

- ACI. In dieci regioni che hanno stipulato una convenzione con l'ACI e nelle provincie autonome esiste il "bollonet" per cui è possibile pagare online il bollo connettendosi al sito: https://servizi.aci.it/Bollonet/. Le regioni in cui non esiste tale convenzione sono:Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Molise, Marche, Liguria, Piemonte, Val d'Aosta, Veneto, Friuli Venezia Giulia.

Torna su


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360