Mutuo dipendenti statali

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

I dipendenti statali e della pubblica amministrazione che necessitano di accendere un mutuo sono particolarmente agevolati. Tutto questo perché dipendono da una azienda per la quale non è previsto il fallimento e quindi costituiscono per il mutuatario un rischio di insolvenza notevolmente contenuto. Inoltre il loro Istituto di previdenza l'Impdap ha creato una serie di prodotti dedicati con l'intento di favorire i suoi affiliati con mutui che si avvalgono di tassi particolarmente convenienti. Con l'ultimo regolamento emanato dall'istituto il mutuo che viene erogato e per l'acquisto della prima casa o per una sua ristrutturazione ha una durata che si può scegliere tra un periodo che va dai 10 ai 30 anni. Condizione indispensabile per poter accedere al beneficio del mutuo è l'iscrizione da un periodo di almeno tre anni alla "Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali". Tutti gli iscritti alla "Gestione" versano un contributo, che viene trattenuto dallo stipendio, dello 0,35% della retribuzione lorda. Contributo utilizzato per la costituzione di un fondo che serve appunto per garantire le prestazioni creditizie e sociali gestite dall'ente. La richiesta di mutuo implica l'iscrizione ad una graduatoria compilata con l'applicazione di speciali parametri. Se il mutuo viene approvato l'importo massimo mutuabile è 300.000 € per l'acquisto della prima casa e 100.000 € per i casi di ristrutturazione. Il tasso fisso applicato è del 3,90% e quello variabile per il primo anno è del 3,50%. Le spesse accessorie all'acquisto come perizie, assicurazioni etc.. vengono liquidate separatamente fino ad un massimo di 5.000 €. Requisito indispensabile affinché il muto venga concesso è che il richiedente e i suoi stretti congiunti non posseggano altre abitazioni nel Comune dove si trova la casa che si intende acquistare né in altri Comuni distanti meno di 100 km. Può verificarsi che l'Impdap al momento dell'erogazione non abbia sufficienti fondi ed allora ha, per tale motivo, stipulato con altre banche speciali convenzione che comunque assicurano ai suoi iscritti tassi agevolati.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

CORRELATI

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.