Come pulire le scarpe di camoscio.


Come pulire le scarpe di camoscio



Vediamo come pulire le scarpe di camoscio senza fare danni. Diciamo, innanzitutto, che la pulizia delle scarpe di camoscio è più impegnativa della pulizia delle scarpe in pelle.

La pulizia quotidiana.

Per la pulizia ordinaria, diciamo per la spazzolata giornaliera, il mercato offre una specifica spazzola con setole di gomma, che pulisce e ravviva la tomaia in camoscio, eliminando le inevitabili striature.

Pulire il camoscio periodicamente.

Periodicamente, per ripristinare colore e morbidezza un buon risultato si realizza con la cosiddetta camoscina, un articolo per le scarpe di camoscio. Si trova di tutti i colori dal nero al marrone, dal grigio a beige al neutro.

Lavare le scarpe di camoscio solo se necessario.

In caso di assoluta necessità anche le scarpe di camoscio si prestano ad essere lavate in acqua tiepida in cui è stato diluito un pizzico di shampoo e un’abbondante dose di ammorbidente.

In una bacinella abbastanza capiente lavare singolarmente le scarpe con l’ausilio di una spazzola, cui far seguire un abbondante e veloce risciacquo. Quindi lasciarle asciugare lontano da fonti di calore.

Asciugare le scarpe dopo il lavaggio.

Durante l’asciugatura non metterle sotto sopra, ma col tacco poggiato a terra e la punta sollevata per evitare che lungo la tomaia si formino i classici aloni bianchi.

Eliminare l'aridità del camoscio.

Quando la scarpa è perfettamente asciutta, per togliere l’aridità del lavaggio in acqua, trattarle con uno straccetto imbevuto di latte, ben strizzato.

Ravvivare il colore con la camoscina.

Trascorso il tempo necessario perché la tomaia cede l’umidità di quest’ultimo trattamento, è il momento giusto per ridare alle scarpe colore e morbidezza con la camoscina del giusto colore. Ecco come pulire le scarpe di camoscio in maniera semplice e efficace.

Torna su


Trovi utile questa guida?

Deve migliorare!

Segui Guide 360:

Scelti per te:


Guide 360