Come avere capelli lisci

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

I suggerimenti su come avere capelli lisci senza dover ricorrere alle mani esperte del parrucchiere, ma basandovi invece sulle vostre, sono esposti in questa guida, grazie alla quale potrete sfoggiare un’acconciatura in ordine e capelli curati, risparmiando sulle spese.

Vediamo quindi nel dettaglio quali sono i procedimenti che ci permettono di prenderci personalmente cura della nostra capigliatura e avere una piega perfetta.

Guida

Non è detto che una chioma folta, sana e liscia o la si possiede o la si ottiene solo attraverso le cure di un parrucchiere; possiamo ottenere eccellenti risultati anche da sole, se partiamo dal presupposto che un’acconciatura liscia può riuscire solo se si tratta con cura il capello a partire dallo shampoo. Andiamo prima di tutto vedere quali sono gli strumenti che ci occorrono per avere capelli lisci, e poi esamineremo nel dettaglio il procedimento passaggio per passaggio:

Strumenti utili:

Tutti gli utensili necessari sono reperibili in profumeria, a prezzi accessibili; phon e piastra possono essere acquistati in un buon negozio di elettrodomestici. Shampoo, balsamo, maschera e spazzola si possono trovare anche in un supermercato molto rifornito.

1) Shampoo

Anche un’operazione semplice come lavarsi i capelli aiuta molto ad ottenere un liscio perfetto se lo si fa nel modo opportuno:

- prima di tutto se avete già capelli lisci o ondulati, spazzolateli prima dello shampoo;

- scegliete il detergente per capelli più adatto a voi: se avete capelli sfibrati uno ricostituente, se crespi preferite un anticrespo, se lunghi uno per capelli lunghi… Fortunatamente la cosmesi ci aiuta molto in questa scelta poiché possiamo trovare lo shampoo adatto in un qualsiasi supermercato ben fornito o in una profumeria;

- bagnate i capelli prima di applicare lo shampoo, facendo attenzione a che l’acqua non sia troppo calda, poiché una temperatura troppo elevata apre le cuticole e favorisce la caduta dei capelli;

- versate una piccola quantità di shampoo sul palmo della mano (non troppa o rischiate di far elettrizzare la chioma) e, partendo dalla cute, procedete a insaponare i capelli con un massaggio leggero con i polpastrelli, in modo da non stressare il capello; non preoccupatevi se il detergente non arriva alle punte, poiché dopo il risciacquo dovete applicare un’altra piccola quantità di shampoo, che questa volta farete arrivare anche alle punte;

- dopo la seconda passata sciacquate con abbondante acqua.

Consigli per un shampoo più efficace

Spesso una delle cause dello sfibramento dei capelli è la durezza dell’acqua con la quale si effettua la detersione: il calcare infatti si attacca al capello e lo opacizza. Per contrastare quest’effetto potete applicare un filtro alla doccia, oppure trattare i capelli dopo lo shampoo con una soluzione di aceto di mele e acqua distillata. Anche del succo di limone diluito in acqua riduce l’opacità e contribuisce all’eliminazione dei sali minerali che si attaccano al capello; attenzione però a non versare nessuno dei due liquidi se avete tagli o escoriazioni sul cuoio capelluto.

2) Il balsamo e le maschere

Dopo lo shampoo è opportuno applicare un balsamo per capelli lisci o una maschera lisciante, per ammorbidire e districare il capello. Anche questi prodotti sono facilmente reperibili, a prezzi contenuti, in un supermercato o in profumeria.

- applicate il balsamo o la maschera partendo dalla cute fino ad arrivare alle punte. La quantità non è standard, ma deve essere quella necessaria affinché la crema sia tutta la chioma;

- dopo l’applicazione lasciate agire il balsamo per un minuto circa, quindi iniziate a districare i nodi con un pettine a denti larghi. La stessa cosa vale per la maschera, solo che il tempo di posa per quest’ultima è di due minuti.

Cercate di pettinare i capelli in maniera delicata, in modo da non strapparli;

- una volta districati sciacquate con abbondante acqua.

Una volta che avrete terminato il risciacquo della crema, se volete potete sciacquare nuovamente i capelli con acqua fredda, per far restringere le cuticole del cuoio capelluto.

3) Messa in piega con phon

Questa è la parte più complicata del processo di lisciatura del capello, poiché richiede tempo e pazienza. Se non siete molto esperte potete farvi dare una mano da una parente o amica per i capelli posteriori.

- prima di tutto prendete un asciugamano, di lino possibilmente, e tamponate con dolcezza i capelli; evitate di sfregarli poiché li indebolireste;

- procedete quindi all’applicazione di un prodotto districante, come una lozione alle proteine del grano, o lisciante, come l’olio di semi di lino, che tra l'altro è un anticrespo e riduce le doppie punte, e pettinate nuovamente i capelli;

- munitevi di una pinza per capelli, di un phon che sia possibilmente a ioni e che sia munito di un bocchettone per il direzionamento del getto d’aria e di una spazzola termica rotonda a setole;

- con il phon procedete prima all’eliminazione dell’acqua in più presente sulla chioma; attenzione a non farla asciugare troppo, poiché dovrete ancora passare il phon su tutte le ciocche, che si possono bruciare se sono asciutte;

- partendo dalla nuca prendete poi una ciocca di capelli che sia larga almeno 6 cm; fermate il resto nei capelli nella pinza in modo che non ostacolino l’asciugatura della ciocca;

- mettete poi la ciocca di capelli che avete separato sulla spazzola e, partendo dall’attaccatura dei capelli scendendo verso le punte, asciugate col phon indirizzando il getto d’aria sempre dalla cute alle punte. Sarà necessario compiere quest’operazione due o tre volte, concentrandosi sulle punte alla fine;

- ripetete questo procedimento per tutta la chioma, dividendola in ciocche e completando prima la parte posteriore, poi le laterali, quindi quella anteriore, cercando di indirizzare la ciocca nel punto in cui volete che stia a messa in piega ultimata.

Consigli di asciugatura

Poiché il tessuto del capello è molto delicato, cercate di non avvicinare troppo il bocchettone del phon ai capelli, o comunque evitate di regolare la temperatura del getto d’aria a una temperatura molto elevata.

Le prime volte che si procede alla messa in piega col phon possono essere molto snervanti, specie per ciò che riguarda la parte posteriore/inferiore, quindi lasciatevi aiutare da qualcuno.

Inoltre per dare la giusta piega alla chioma è necessario stirare i capelli nella direzione giusta, quindi cercate di dividere le ciocche seguendo la linea naturale dei capelli, come fa il parrucchiere.

4) Messa in piega con la piastra

Per una perfetta piega liscia occorre passare sui capelli la piastra lisciante dopo la phonatura, per eliminare le imperfezioni dovute alla mano inesperta; in questo modo il capello sarà liscio come uno spaghetto e la piega sarà più resistente all’umidità.

La piastra giusta, che dà un liscio assoluto e non brucia i capelli, è quella in ceramica; ancora migliore è quella con i fori per il vapore, comunque sia le trovate di entrambi i tipi in un buon negozio di elettrodomestici. Ve ne sono sia di misure grandi, che però costano un po’, sia quelle più piccole, che hanno un prezzo accessibile ma danno comunque gli stessi risultati, solo che vi occorrerà più tempo perché dovrete fare ciocche più piccole.

- prima di procedere con la piastra controllate che i capelli siano perfettamente asciutti, o rischiate di bruciarli, e applicate un olio protettivo, come quello di semi di lino;

- come per la messa in piega col phon, partendo dalla nuca, piastrate i capelli a ciocche, procedendo sempre dalla cute verso le punte. Cercate di passare la piastra lentamente ma non troppo, altrimenti il capello si brucia, ed evitate di passarla per più di tre volte sulla stessa ciocca;

-una volta ultimata la parte posteriore, procedete con la piastra anche ai lati e nella parte anteriore dei capelli, fino a che non saranno tutti piastrati e quindi lisci.

Consigli

Una volta passata la piastra, per dare una maggiore tenuta alla piega, potete dare una spruzzata di lacca, stando bene attente a coprire gli occhi.

Inoltre, anche se le piastre di ultima generazione sono costruite in modo tale da danneggiare il capello il meno possibile, comunque è meglio evitare un uso continuo o prolungato poiché il capello si sfibrerebbe.

Infine, per ulteriori consigli su tutto il processo di lisciatura dei capelli, potete rivolgervi al vostro parrucchiere di fiducia, che vi darà utili informazioni sui prodotti più adatti al vostro tipo di capello.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.